Il Municipio IX scrive a Draghi per ricordargli il “NO” del territorio all’assurdo e devastante progetto dell’autostrada a pedaggio Roma-Latina. Avvicinandosi la scadenza del programma di investimenti che l’Italia deve presentare alla Commissione europea (Piano nazionale di ripresa e resilienza – PNRR) è bene ricordare al Governo l’incombenza del rischio di spreco di soldi pubblici e del disastro ambientale. Il Municipio IX di Roma da sempre chiede la transizione verde e i trasporti sostenibili, infatti nelle tre distinte date:

– 3 luglio 2012
– 8 aprile 2014
– 11 ottobre 2016

Quindi a prescindere dai colori politici che si sono alternati al governo dell’Istituzione locale – sono stati approvati 3 atti contrari all’autostrada a pedaggio Roma – Latina e sempre all’unanimità. Stessa contrarietà è stata espressa dall’Assemblea Capitolina e da altri Comuni attraversati da quel progetto, assolutamente…

– INUTILE: perché finirebbe con lo spostare il traffico invece di snellirlo, o subito dopo il casello oppure altrove, creando in ogni caso colossali ingorghi che vanificherebbero completamente l’opera;
– DANNOSO: perché cancellerebbe numerose aziende agricole di eccellenza e distruggerebbe meravigliose aree vincolate e protette.

Condividendo il programma di transizione ecologica e di uso accorto delle risorse e temendo che alcune “manine” possano tentare di infilare l’inutile e dannosa autostrada Roma-Latina tra le opere da finanziare cambiandone nome, ma non la sostanza, il Municipio IX si è perciò rivolto al Premier Draghi chiedendo invece “l’adeguamento in sicurezza di tutta la Via Pontina e la valorizzazione del vecchio tratto della ferrovia Roma-Napoli con la progettazione di una metropolitana leggera”.

Comments are closed

SCEGLI UN ALTRO MUNICIPIO