Procedono spediti i lavori per la costruzione del nuovo collettore fognario Ponte Ladrone, Municipio IX, come dimostra l’avvio delle fasi di scavo del sottosuolo in cui sarà posizionata l’opera.

Parliamo di un’infrastruttura con cui, dopo 30 anni di disagi derivanti dagli scarichi non a norma e da un’assenza di regolamentazione del sistema fognario, Roma Capitale fornirà ai residenti di Vitinia, Casal Bernocchi e Malafede un servizio di primaria importanza su cui nessuna Amministrazione del passato aveva posto la giusta attenzione.

Il Collettore, come spiegato da ACEA ATO2, raccoglierà dalla rete fognaria di Vitinia e della parte bassa di Trigoria, sarà lungo circa 4 Km e partirà da Centro Giano ed arriverà a collegarsi con il tronco di Tor di Valle. L’importo dei lavori è  di circa 16 milioni di euro.

Secondo il cronoprogramma stilato da Acea Ato2 e coordinato dal Dipartimento SIMU, il nuovo collettore fognario dovrebbe essere ultimato entro giugno 2022 e porterà indubbi benefici per gli oltre 70.000 residenti del quadrante interessato, che potranno finalmente fruire di un’opera essenziale attesa da diversi decenni. 

Gli interventi in oggetto comporteranno la riqualificazione ambientale del territorio in oggetto e andranno a risolvere una serie di problematiche mai sanate prima.

Curiosità sulla esecuzione dei lavori: il collettore è costituito da un tubo del diametro di 1 metro e 80 cm che verrà posizionato a circa 6 metri di profondità; lo scavo scorrerà a lato della via del Mare iniziando da Centro Giano. I lavori non dovrebbero interferire con la circolazione perché realizzati fuori dalla rete stradale. Nei punti di attraversamento della via del Mare  e di via Ostiense verrà utilizzata la tecnica c.d. “tunneling” o anche “NO – Dig” che consiste nella perforazione sotterranea, scavando un tunnel dove posizionare la tubatura senza realizzare lo scavo tradizionale in superficie

Tags:

Comments are closed

SCEGLI UN ALTRO MUNICIPIO