In campagna elettorale per le elezioni amministrative del 2016, il M5S ha proposto in un documento le linee programmatiche di azione che sarebbero stati gli obbiettivi della gestione del Municipio per il quinquennio 2016-2021.

Tale documento identificava 142 azioni o iniziative specifiche in 10 Aree Tematiche distinte:

e nel cercare di presentare un bilancio consuntivo sintetico su quanto è stato operato in questi 5 anni di conduzione del IX Municipio da parte del M5S e dei suoi Consiglieri ed Assessori, possiamo sicuramente annunciare, dati reali alla mano, che delle 142 iniziative ben 49 sono state realizzate al 100%, 21 sono ancora in corso (in quanto la complessità degli interventi ha la necessità di un tempo più lungo di 5 anni) e 33 sono state parzialmente concluse:

L’insieme di questi risultati portano ad una percentuale del 72,5% la misura del successo dell’azione del M5S.

            Di più: per il prossimo quinquennio 2021-2026, così come chiediamo a gran voce una continuità per l’opera del Sindaco Virginia Raggi, auspichiamo un rinnovo di fiducia del Territorio del IX Municipio verso il M5S per poter completare l’opera iniziata, portando a termine le iniziative tuttora in corso, e poter riproporre l’opera, con accresciuta consapevolezza e preparazione, per la realizzazione delle iniziative non compiute e le nuove che si sono aggiunte nel frattempo.

In dettaglio:

Area Trasparenza Amm.va, Bilancio e Patrimonio:

Quest’Area aveva 14 azioni distinte delle quali 6 sono state concluse interamente, 1 è tutt’ora in corso e 2 parzialmente concluse; tra gli obbiettivi raggiunti: pubblicazione e condivisione di tutti gli Atti Amministrativi e dei Bilanci, la registrazioni digitale delle Assemblee e delle Commissioni Municipali, di cui pubblichiamo il Calendario per una maggiore partecipazione dei Cittadini; verifica delle attività svolte dalle precedenti amministrazioni per individuare danni o irregolarità e procedere con le Autorità Giudiziarie alla riappropriazione di quanto sottratto ai Cittadini; consentire ai Cittadini la possibilità di inviare segnalazioni su sprechi, disservizi e proposte; censimento e pubblicazione dei documenti amministrativi riguardanti il Patrimonio Immobiliare gestito dal IX Municipio. Tra i 5 obbiettivi non raggiunti, da riprendere e riproporre con maggiore preparazione e determinazione nel prossimo quinquennio, segnaliamo:

  • Il referendum Consultivo di quartiere e degli strumenti di consultazione popolare;
  • La valorizzazione del Ruolo delle Consulte Tematiche (partecipazione del Cittadino nei vari ambiti municipali);
  • Miglioramento del Servizio di prenotazione on-line telefonico per gli Atti Amministrativi;
  • Introduzione del Bilancio Partecipativo;
  • Produzione di una Nota Esplicativa del Bilancio Pubblico del IX Municipio, con l’obbiettivo di renderlo maggiormente comprensivo ed evidenziando i maggiori Capitoli di Spesa.

Area Mobilità e Lavori Pubblici

In quest’area, il M5S si era posto 22 obbiettivi: di questi, 4 sono stati raggiunti pienamente, 8 sono al momento ancora in corso di realizzazione e 5 sono stati conclusi parzialmente; quindi complessivamente sono stati raggiunti 17 obbiettivi su 22, per una percentuale di successo del 77.2%.

Per citare solo alcuni casi di successo: incentivazione delle modalità di trasporto collettivo, come car poolingcar sharing bike sharing; Scuolabus a piedi e bicibus; attuazione delle normative sulle garanzie di legge per il rifacimento delle strade; rigorosa attuazione delle norme e delle procedure che regolamentano le procedure di assegnazione dei lavori pubblici; dotare e integrare con ATAC ed AMA tutte le fermate del TPL di pensiline, paline elettroniche, cestini con differenziata e ceneriere; attuazione del Piano Quadro per la Ciclabilità del Comune di Roma; la messa in sicurezza, ripristino e predisposizione di un piano di manutenzione degli attraversamenti e collegamenti ciclo-pedonabili; manutenzione dei percorsi pedonali e rifacimento dei marciapiedi; attuazione del piano per l’eliminazione delle Barriere Architettoniche; individuazione, insieme ai Cittadini, Associazioni e Comitati di Quartiere di aree da pedonalizzare; incentivazione delle politiche di Mobility Management con la partecipazione delle Grandi Aziende ed Uffici Pubblici presenti nel territorio.

Le 5 iniziative non realizzate verranno riproposte, con maggiore enfasi e consapevolezza delle difficoltà incontrate, nel prossimo periodo 2021-2026:

  • Studio di fattibilità in accordo con ATAC ed Agenzia per la Mobilità di Roma, per l’individuazione e la realizzazione di corsie preferenziali protette, per la revisione ed il potenziamento dei Servizi TPL diurni e notturni;
  • Il potenziamento dei Parcheggi di Scambio;
  • La riqualificazione e la riorganizzazione delle strade residenziali con elementi di moderazione del traffico, quali isole salvagente, attraversamenti pedonali, attraversamenti rialzati, creazione di spazi verdi e/o fioriere, protezione dei marciapiedi;
  • Completamento della messa in sicurezza degli attraversamenti nei pressi di luoghi ed edifici sensibili quali scuole, uffici pubblici ed ospedali;
  • Messa in sicurezza della Via Pontina, insieme al Comune di Pomezia.

Area Ambiente e Territorio

Quest’area ha avuto, insieme a quella delle Politiche Sociali e Sanità, il maggior numero di iniziative messe in piano ed al termine del primo quinquennio di governo del Municipio possiamo vantare il successo nel 50% delle Azioni ( 3 concluse interamente, 1 in corso e 12 parzialmente concluse sulle 32 proposte).

Tra i maggiori successi: aggiunta e integrazione di nuove attività con la sistemazione ed il riuso di cubature esistenti ed abbandonate; attuazione di una tutela attiva attraverso la biodiversità del Territorio; la tutela e la salvaguardia dell’Agro romano e delle Aree protette; realizzazione di un studio finalizzato all’individuazione di luoghi per la realizzazione di piccole centrali di compostaggio per il trattamento dell’umido; richiesta di diffusione da parte di AMA di informazioni operative sulle Isole Ecologiche; promozione della Raccolta Differenziata nei Mercati di Quartiere; individuazione, nei quartieri del territorio e in accordo con i Cittadini, si aree idonee a diventare Isola Ecologica; riutilizzo dei materiali di risulta delle piccole attività imprenditoriali per la realizzazione di materiali di riciclo (altalene e panchine); abolizione o totale revisione del Progetto ‘Case dell’Acqua’ per la mancanza di controlli efficaci sulla manutenzione dei filtri; attuazione della normativa sulla rimozione di affissioni abusivi  o irregolarmente posizionati; creazione di Laboratori di Street Art a cui affidare il compito di decorare alcuni scorci urbani del Territorio; realizzazione di campagne di sensibilizzazione all’utilizzo di cestini e cassonetti; istituzione di apposite aree destinate ai cani.

Le iniziative non realizzate, invece, verranno riproposte, con maggiore enfasi e consapevolezza delle difficoltà incontrate, nel prossimo periodo 2021-2026:

  • Suddivisione delle Aree Protette in zone regolamentate;
  • Realizzazione della mappatura del Territorio con evidenziati gli impatti delle diverse azioni inquinanti significative;
  • Analisi periodica del territorio per la prevenzione della degenerazione delle Aree e l’individuazione dei responsabili;
  • Limitazione dell’inquinamento da elettrosmog, con l’installazione di stazioni radiobase di controllo;
  • Estensione della raccolta differenziata porta a porta;
  • Richiedere il potenziamento del Presidio AMA di Zona;
  • Promozione della campagna nei supermercati per evitare lo spreco di cibo;
  • Promuovere il compostaggio domestico e di prossimità;
  • Promuovere l’acquisto di prodotti alla spina ed il vuoto a rendere;
  • Promuovere la riduzione dell’uso di materiali non riciclabili nelle Mense Scolastiche;
  • Incentivare l’installazione di macchinari c.d. di ‘Reverse Vending’ nei supermercati;
  • Incentivare la diffusione dei raccoglitori di olii esausti nei supermercati, scuole, uffici pubblici;
  • Sollecitare i controlli sulla Rete Idrica del Municipio;
  • Incentivare l’installazione di un maggior numero di fontanelle;
  • Sollecitare continui monitoraggi delle acque in entrata, di quelle in uscita e dell’aria soffocante che deriva dal cattivo funzionamento del depuratore Torrino – Tor di Valle.

Sicurezza e Legalità

Sono state solo 4 le azioni proposte nel 2016 per questa Area, sicuramente tra le più importanti e messa tra le priorità delle nostre Azioni, tanto è vero che tutte le Azioni sono state portate a compimento o sono in corso di completamento:

  • La riqualificazione e la riorganizzazione del Corpo di Polizia Locale, per un maggior controllo e presidio del Territorio;
  • Assegnazione all’Agente di Polizia Locale di una determinata porzione del Territorio (c.d. Vigile di Quartiere) con cambi frequenti per evitare la fidelizzazione;
  • Provvedere, di concerto con il Comune, all’installazione di Sistemi di Videosorveglianza continua nei quartieri del Territorio considerati più a rischio;
  • Ripristinare con la Prefettura il tavolo fra tutte le Forze di Polizia presenti per coordinarne gli interventi, anche in base alle segnalazioni dei Cittadini.

Politiche Sociali e Sanità

E’ senza dubbio l’Area Tematica dove il M5S presentò, nel 2016, il numero maggiore di Azioni ed Iniziative: 35: di queste, sono state portate a compimento completo ben 22, alle quali se ne aggiungono altre 9 tra ancora in corso e parzialmente realizzate, portando all’86.1% la percentuale di successo in questa importantissima Area Tematica.  Tra gli obbiettivi  conseguiti, sono da sottolineare tra gli altri: la revisione e l’unificazione delle Liste di Assistenza Diretta e Indiretta al fine di migliorare la tipologia di Sostegno; la verifica dell’operato del terzo Settore del Municipio; l’elaborazione di un Report annuale dei Bilanci e delle Attività svolte dalle Cooperative, Associazioni, Onlus; l’aver favorito l’inclusione delle persone disabili all’interno del contesto lavorativo del Municipio; la verifica della qualità dei servizi offerti alle persone disabili; il censimento, la mappatura e la verifica delle strutture per disabili non autosufficienti afferenti al Territorio del IX Municipio; la formazione del personale volontario residente nel Municipio per il loro inserimento nei servizi a sostegno degli anziani e dei disabili; la realizzazione dello studio di fattibilità per individuare luoghi adatti a diventare condomini c.d. “solidali”, nei quali i cittadini anziani possano condividere tra di loro badanti, colf e assistenti e/o operatori sanitari; la creazione del PUA (Punto Unico di Accesso Socio-Sanitario) nel IX Municipio; la graduale chiusura, In linea con il Piano Cittadino,  del Campo Rom “Castel Romano”, rispettando i principi contenuti nella Strategia Nazionale d’Inclusione Rom, Sinti, Caminanti; la realizzazione del nuovo Piano Regolatore Sociale, con il contributo dei singoli cittadini e di tutti gli attori istituzionali e sociali coinvolti, fondato sull’analisi dei bisogni della collettività; favorire il confronto periodico tra l’Amministrazione e i professionisti del settore presenti nel municipio al fine di monitorare le problematiche sociali; facilitare i rapporti tra l’Ufficio Servizi Sociale dei Minori del Ministero della Giustizia e i servizi sociali del Municipio.

Le 4 iniziative non realizzate verranno riproposte, con maggiore enfasi e consapevolezza delle difficoltà incontrate, nel prossimo periodo 2021-2026:

  • Sfruttare le conoscenze degli anziani in pensione con profili professionali specifici per la realizzazione di corsi che tramandino conoscenze su attività specializzate, favorendo lo scambio “intergenerazionale”;
  • Promuovere la creazione di uno sportello per l’orientamento che si occupi di fornire informazioni su casa, opportunità a disposizione/bandi, buono casa, contributi per morosità incolpevole etc. ;
  • Cercare un dialogo tra le istituzioni e le comunità straniere presenti nel IX Municipio, in particolare le minoranze religiose;
  • Promuovere tra tutti coloro che lavorano nel sociale per Roma Capitale (assistenti sociali, psicologi, OSS, educatori, etc…), la sottoscrizione di una “dichiarazione sostitutiva di atto notorio” che attesti di non essere in conflitto di interessi col proprio lavoro, (ad esempio lavorare per strutture d’accoglienza private). 

Scuola e Politiche Educative

In questa area sono state individuate 15 azioni distinte, che l’opera del IX Municipio ha portato a realizzarle completamente o parzialmente per 13 di esse, fissando il successo alla percentuale del 87,7%! 

Tra quelle di maggior rilievo spiccano: lo studio finalizzato alla gestione delle domande di finanziamento e dei fondi  europei, per permettere la messa in sicurezza, l’efficienza energetica e l’ottimizzazione dei consumi, utilizzando le strutture tecniche del Municipio a supporto delle scuole;  attuazione di misure a garanzia del rispetto delle prescrizioni normative in merito alle  condizioni di salute e sicurezza sul lavoro (D.Lgs.81/08), per es. adeguamenti antincendio, igiene, agibilità, etc.; la programmazione della manutenzione degli spazi verdi esterni, prevedendo periodici interventi di sfalcio, potatura e disinfestazione senza ricorrere ad azioni di emergenza continua, laddove non siano realizzati orti didattici; censimento delle strutture scolastiche del municipio e programmazione degli interventi al fine di renderle sicure e confortevoli; potenziamento dei  servizi alle famiglie degli alunni con disabilità e con deficit dell’apprendimento (AEC, Assistenti Educativi Culturali); potenziamento dei servizi di controllo degli appalti per la refezione scolastica, comprendendo anche nidi e asili convenzionati; Avviare uno studio su come svolgere la raccolta delle eccedenze alimentari da destinare a cittadini bisognosi, essendo assai complessa la normativa statale in materia; lo studio di fattibilità, assieme ai dirigenti scolastici, per la fornitura del servizio internet; la sensibilizzazione nelle scuole alla promozione di programmi e percorsi educativi finalizzati alla valorizzazione di comportamenti virtuosi per la gestione e condivisione dei beni pubblici, educazione alla riduzione dei rifiuti, al riuso e ed alla differenziazione, al risparmio di energia e risorse, educazione stradale, a stili di vita e regimi di alimentazione sani, valorizzazione della multiculturalità nelle scuole; avviamento dei corsi per insegnare la disostruzione pediatrica.

Le due azioni non realizzate e che verranno riproposte per il prossimo quinquennio sono:

  • Migliorare il controllo delle mense sulla qualità dei cibi e ottimizzando i costi, privilegiando il consumo di frutta e verdura fresca e di stagione, a km zero, biologico e possibilmente prodotti da cooperative agricole locali;
  • Incentivare i beverini di acqua corrente e sostituire i distributori di merendine e bevande con cibi che privilegino il benessere nutrizionale dei bambini.

Turismo, Commercio e Produzioni locali; Cultura; Sport; Urbanistica

Riuniamo in quest’ultima voce le Aree rimaste, nelle quali complessivamente sono state individuate dal M5S 20 distinte Azioni che sono state realizzate completamente o parzialmente nel 63% dei casi, con 13 iniziative completate e 7 non realizzate.

Fra quelle realizzate citiamo: la salvaguardia di tutte le destinazioni pubbliche di legge (aree verdi, ludiche, sociali, ecc), senza intromissioni improprie quali varianti, densificazioni edificatorie, punti verde qualità, compensazioni, etc.; la valorizzazione ed il recupero delle Torri medievali collocate in una posizione strategica in un’area naturalistica dal potenziale elevato; l’avvio degli interventi di risanamento ambientale e promozione di visite guidate; la valorizzazione ed il recupero del patrimonio storico insistente sul territorio municipale (ad esempio la Villa Romana a Spinaceto); la promozione di eventi ed iniziative per la valorizzazione del polo museale e congressuale dell’Eur; la creazione di un sistema di turismo educativo che avrà anche funzione didattico-culturale; l’allargamento della rete di biblioteche comunali sul territorio in grado di offrire gratuitamente connettività, postazioni PC, spazi e strumenti di lavoro; la promozione della cultura scientifica attraverso l’organizzazione di incontri, conferenze, seminari, mostre, laboratori ecc.; la creazione di orti didattici all’interno delle scuole e negli spazi verdi più adatti ad essere usati a tale scopo; l’incentivazione di attività culturali e/o artistiche, attraverso la promozione di una sempre maggiore apertura dei plessi scolastici, dove possibile anche fuori dall’orario didattico; la promozione dell’attività teatrale in tutti i suoi aspetti (laboratori creativi e di recitazione, regia, scenografia, suono, costumi ecc.). la collocazione di attrezzature sportive nelle aree verdi con l’obiettivo di promuovere attività sportive per giovani ed anziani attraverso la realizzazione di percorsi della salute, percorsi storico paesaggistici e ciclabili, ad impatto ZERO sull’ambiente; l’individuazione di aree pubbliche da destinare a piccoli campi sportivi di quartiere (basket, pallavolo, etc.) e riqualificare quelli esistenti.

Le iniziative non realizzate verranno riproposte, con maggiore enfasi e consapevolezza delle difficoltà incontrate, nel prossimo periodo 2021-2026:

  • La riapertura dei Musei del Polo Museale dell’EUR, in particolare dal Museo della Civiltà Romana ed il Planetario;
  • Il censimento, la riprogettazione e la rivalutazione dell’assegnazione delle strutture date in gestione al municipio;
  • Allargare la fruibilità  dei centri polifunzionali del municipio attraverso la promozione di attività culturali o artistiche, spazi-luoghi di aggregazione e integrazione in cui i cittadini possano vivere, convivere e crescere (attraverso la cultura e l’arte) con il territorio e con gli altri;
  • La promozione  delle attività agricole per tutelare l’Agro Romano;
  • La creazione di mercatini spazi espositivi da assegnare esclusivamente a produzioni locali artigianali ed artistiche;
  • La promozione di progetti per incentivare l’occupazione giovanile (ad esempio artigianato, agricoltura, software etc.);
  • L’istituzione di mercatini di scambio (no money) per prodotti non deperibili;
  • Lo snellimento della burocrazia municipale per ridurre i tempi di lavorazione delle pratiche legate alle attività produttive;
  • La promozione dell’accesso al microcredito.